Vai al contenuto

Infinitude. A Circular Lighting Experience

Infinitude. A Circular Lighting Experience

MDW 2023 | Via Cernaia 7, Brera Design District

Qu presenta in occasione della MDW 2023 l’installazione temporanea “Infinitude. A circular lighting experience”, un progetto circolare organico ed integrato che abbraccia il giardino e gli interni, dove la luce è il fil rouge dell’esperienza.

Il concept, firmato Parisotto + Formenton Architetti, nasce dalla volontà di fornire al visitatore un’esperienza sensoriale completa, luce e suono si integrano e convergono in suggestioni capaci di portare altrove fino al cosmo. La circolarità dei segni che dà l’imprinting all’intero progetto è declinata in varie scale e può essere letta dal visitatore come un elemento ricorrente che porta a scoprire i diversi spazi e l’approccio concettuale di Qu.

Un lungo nastro luminoso guida il visitatore attraverso il cortile; cerchi di luce marcano il giardino come tappe del percorso di visita, intersecandosi con gli alberi presenti, e diventando di volta in volta segnali, sedute e disegni creati dalla luce sul terreno.

Gli interni sono concepiti come una scatola bianca e pulita al cui centro, in una coerente continuità semantica, si trova una lounge circolare avvolta dal verde.
La sala interna è punteggiata dai corpi illuminanti della collezione Magritte, utilizzati a soffitto e a parete, aggregati in costellazioni che creano suggestivi disegni luminosi.

Culmine del percorso e icona della permeabilità della natura che si appropria degli spazi indoor, è la serra. In questo luogo piante e luce insieme creano suggestive atmosfere, mutevoli se vissute di giorno o di notte, se viste dall’interno o dall’esterno.

Corona l’esperienza installativa la volontà di regalare un percorso sensoriale completo e stupefacente: luci, ombre e riflessi giocano in tandem con una sound art site specific. L’installazione prevede infatti, un sound design d’avanguardia in interazione visiva con i corpi illuminanti presenti nello spazio espositivo. Un tappeto sonoro dinamico e mutevole, frutto di una sperimentazione sonora che utilizza melodie elettroniche provenienti dallo spazio, come campionamenti di suoni dei pianeti e del cosmo, rielaborati in ottica artistica e musicale.

L’esperienza sono-luminosa permette così di esplorare nuove possibilità espressive e di mettere in discussione il rapporto tra fruitore – spazio – luce – universo.

CONCEPT: Parisotto+ Formenton Architetti
LIGHTING DESIGN: Fulvio Baldeschi