Vai al contenuto

Ouverture. A Certain Idea of Light

Ouverture. A Certain Idea of Light

MDW 2022 | Via Cernaia 7, Brera Design District

La Qu debutta alla MDW 2022 con l’istallazione “Ouverture – una certa idea di luce” nel suggestivo contesto di una residenza storica milanese con giardino a Brera. Il concept, firmato Parisotto+Formenton Architetti, nasce dalla volontà di esprimere un’idea di luce contemporanea declinando l’esperienza in due momenti, partendo dall’esterno per giungere agli spazi interni.

Nel giardino
Una promenade tra le fronde, luci e natura che si fa preludio della vision Qu: affiancare il progettista per dare vita alla sua personalissima idea di luce che diventa dialogo, progetto e soluzione. Il giardino è popolato di cespugli frondosi, selvaggi e scompigliati come la natura spontanea sulle dune in riva al mare. Un percorso sinuoso e libero attraversa lo spazio en plein air caratterizzato da aree relax e morbide luci. Il rumore del mare calmo e della brezza estiva accompagnano il visitatore in quella che sarà un’oasi nel cuore della grande città.

Scoperta e Meditazione
La facciata del palazzo è caratterizzata al piano terra da un bow window che si proietta verso il giardino come una lanterna accesa, mentre le finestre si accendono come un faro che illumina la notte dal promontorio. Varcando la soglia della sala della scoperta, all’interno, un display museale racconta la luce secondo la Qu: un’eccellenza produttiva unica che fa coesistere, all’interno delle sue mura, non solo la ricerca dei materiali e design concept, ma anche la progettazione, sviluppo, ingegnerizzazione, test, e infine messa in produzione. Il percorso indoor si conclude con una sosta nella sala della meditazione, un momento di pausa dalle frenetiche giornate milanesi, dove la luce diventa suggestione e poesia.
L’esperienza di Ouverture si pone l’obiettivo di calare i visitatori in una dimensione di connessione e stupore alla scoperta della filosofia aziendale.
La mission della Qu è affiancare i progettisti per dare vita alle loro idee di luce garantendo un supporto a 360° e offrendo vaste possibilità di personalizzazione. Attraverso corpi illuminanti su misura, gli ambienti e i loro spazi interni ed esterni ottengono una dimensione creativa ulteriore. La customizzazione della luce regala un valore aggiunto e rappresenta un vero e proprio mezzo per migliorare ed esaltare l’architettura.

Un’esperienza più che decennale che si traduce in cura delle finiture, protezioni galvaniche, trattamenti per l’isolamento outdoor e test delle prestazioni illuminotecniche. Gli obiettivi che si pone l’azienda sono qualità ed affidabilità, sostenendo una riduzione quasi totale di sprechi grazie ad una produzione che tende costantemente verso la sostenibilità.

Il Lighting Design è stato curato da Fulvio Baldeschi, founder di Light Company, e vede come protagonista non il prodotto, seppur presente, ma la suggestione dell’effetto luminoso. Nell’emozionate giardino sarà possibile scorgere tra le fronde corpi illuminanti sinuosi e oggetti dal design materico ed evocativo che perfettamente si sposano con il paesaggio e di confondono con l’ecosistema in cui sono inseriti. Un contesto suggestivo in cui il prodotto è racconto di una storia antica: il rapporto tra uomo e luce.

Ospite del percorso Arcipelago, una capsule collection composta da diverse famiglie di lampade per l’illuminazione di interni nautici, disegnata da Parisotto+Formenton per la divisione marine lighting collaborazione che nasce dal confronto e dalla convergenza di visioni condivise sull’illuminazione contemporanea negli ambienti nautici oltre che dal comune amore per il mare. Nel segno del Made in Italy, la capsule Arcipelago è caratterizzata da un design suggestivo ma essenziale e si pone a cavallo tra illuminazione tecnica e decorativa proponendo un nuovo equilibrio tra design, qualità e ingegneria. I rimandi alle linee di lampade e lanterne marittime diventano oggi volumi minimi che accolgono la luce e portano a bordo uno stile attuale che innova nel segno della tradizione.

CONCEPT: Parisotto+ Formenton Architetti
LIGHTING DESIGN: Fulvio Baldeschi